Hydra Software

Partizione danneggiata parzialmente

Anche se una partizione del nostro disco fisso è perfettamente visibile non significa che sia anche completamente integra. Con un piccolo trucco rimetteremo tutto a posto.

Per assurdo, è molto meglio che una delle partizioni del nostro disco fisso sia completamente scomparsa, piuttosto che danneggiata, il danneggiamento è un caso subdolo. Infatti, apparentemente, sembra che tutto funzioni correttamente, perché le partizioni sono tutte visibili. Tuttavia, mentre lavoriamo, ci accorgiamo che ad alcuni file non è più possibile accedere, sebbene ancora elencati nelle cartelle. È proprio questo che deve metterci in allarme e spingerci a intervenire subito, prima che la situazione peggiori e possa diventare irreversibile o magari più complicata da dover risolvere. In questo caso gli strumenti già si trovano nel nostro sistema operativo, quindi possiamo usarli anche da una versione Live, dalla quale interverremo direttamente sul nostro disco fisso. Come sempre dovremo assicurarci che nel BIOS/UEFI del nostro computer, sia stata impostata come unità di boot prioritaria quella che contiene appunto la versione Live di Ubuntu. Una volta avviata procederemo come segue.



Booking.com

Individuiamo le partizioni. Il primissimo passo da fare è quello di individuare le partizioni presenti sul nostro disco fisso con il comando scritto nel nostro Terminale: sudo fdisk –| .Compariranno in modo dettagliato: sda1, sda2 e sda5. Annotiamole.

 

Scansione delle partizioni. Il comando per eseguire le scansione delle partizioni è: fsck. Quindi nel nostro caso cominciamo con la seguente riga di comando: sudo fsck /dev/sda1. Poi proseguiamo sostituendo sda2 e sda5 a sda1.

 

Riparazione. Terminata la scansione, se abbiamo notato delle anomalie, passiamo direttamente alla riparazione della partizione con la riga di comando: sudo fsck -a /dev/<partizione>, sostituendo sda1, sda2 o sda5 a <partizione>.

 

Ulteriori strumenti di intervento. Il comando fsck, seguito da uno specifico argomento, come già visto nel passo precedente, può compiere diverse azioni sulla singola partizione. Per un elenco completo, colleghiamoci a: https://linux.die.net/man/8/fsck